Cosa serve dopo la nascita di un figlio: ecco la lista completa

Siamo donne, amiamo lo shopping per natura.

Diventiamo mamme e ci ritroviamo davanti a quelle splendide vetrine, abbiamo l’imbarazzo della scelta, vestiti, accessori…

Il problema è che con il primo figlio non abbiamo assolutamente idea di cosa possa realmente servire dopo la gravidanza.

I costi sono tanti e spesso, dopo la nascita, ci siamo resi conto che tante cose potevamo lasciarle sullo scaffale del supermercato.

Ma cosa serve realmente dopo la nascita???

Ecco qui una mia personalissima lista di ciò che mi è stato realmente utile dopo la gravidanza:

CURA E IGIENE DEL NEONATO:

  • Forbicine per le unghiette.
  • Garze e retina per la medicazione dell’ombelico.
  • Detergente delicato.
  • Amido di riso per il bagnetto (Ho evitato tutti i tipi di sapone in commercio).

Per l’igiene quotidiana ho scelto Bioderm un detergente molto delicato che usavano in ospedale. Avendo i figli soggetti a dermatite questo è stato perfetto.

  • Pettine (non ne ho mai avuto necessità, ho avuto entrambi i figli quasi pelati per il primo anno di vita).
  • Aspiratore nasale (soprattutto se nasce d’inverno potrebbe servire nei momenti peggiori). Ho usato sempre l’aspiratore manuale, non ho ancora usato quello elettrico.
  • Fisiologica (io prendo il formato piccolo del contenitore in vetro).
  • Pannolini.
  • Salviette per i cambi veloci.
  • Cotone
  • Termometro per misurare la febbre.

Mai utilizzato il termometro per la temperatura dell’acqua (ovviamente acquistato con la prima figlia), il gomito è più che sufficiente e attendibile.

ALLATTAMENTO:

  • Tiralatte 

Se si decide di allattare è assolutamente utile, all’inizio può servire per stimolare la produzione di latte o, potrebbe semplicemente servirvi se dovete lasciare il vostro latte e voi uscire per impegni vari.

Io ho avuto diversi problemi con l’allattamento per questo ho scelto il tiralatte elettrico MEDELA SWING. Riproduce la naturale suzione del neonato e si può regolare l’intensità.

(foto presa dal sito di medela)

 

Utilizzando l’intensità minore, in caso di ragadi, non c’è il rischio di sentire dolore.

L’unico problema è che potrebbe servirvi solo per i primi mesi, ma noleggiarlo vi costerebbe molto di più. Nel peggiore dei casi lo rivenderete.

 

  • Coppette d’argento (sono miracolose in presenza di ragadi)
  • Paracapezzoli (in caso di capezzoli introflessi aiuteranno il vostro bambino ad attaccarsi). Io per un seno ho utilizzato i paracapezzoli Medela.
  • Crema per le ragadi (ottima Purelan 100)
  • Salviette igienizzanti per il seno
  • Coppette assorbilatte
  • Reggiseno allattamento

 

ACCESSORI VARI:

  • Bilancia (Con l’allattamento al seno l’ho utilizzata una/due volte a settimana)
  • Sterilizzatore
  • Scalda biberon (direi che si può attendere come procede l’allattamento a meno che non sapete già con certezza che vi servirà)
  • Almeno un ciuccio
  • Un biberon
  • Cuscino dell’allattamento (se riuscite a farvelo prestare è meglio perché, nel mio caso, l’ho utilizzato credo solo per il primo mese circa)
  • Sdraietta (vi regalerà minuti di pace)
  • Baby monitor (per sentirlo mentre siete in un’altra stanza). A me è stato regalato senza video ma ho un bambino che spesso si lamenta anche senza svegliarsi per cui il video mi avrebbe risparmiato tanti viaggi inutili nella stanza.
  • Fascia post parto, in caso di cesareo può servire (ma potete mandare il papà in farmacia dopo il parto perché servono delle misure specifiche)

COSIGLI PER LA SOPRAVVIVENZA:

Preparate (prima del parto) dei piatti da congelare perché le vostre giornate stanno per diventare davvero intense e, preparare anche un semplice piatto di pasta i primi giorni può risultare difficile, in questo modo avrete delle scorte.

Eliminate tutto ciò che provoca rumori improvvisi (tipo l’orologio che fa cucù), vi sembrerà incredibile la scoperta dei rumori che, improvvisamente, sentirete quando cercherete di far addormentare il bambino.

Riducete la suoneria dei telefoni, campanelli ecc…

Non fate assolutamente nulla i primi giorni dopo il parto, pensate a voi stesse e al vostro bambino. Lo so che i bucati, i piatti da lavare o la polvere sono lì che vi guardano e vi sfidano, ma chi se ne frega. Avete bisogno di riposo mentale e fisico rimandate o fatevi aiutare.

 

N.B. I prodotti che vi ho segnalato sono stati e sono realmente utilizzati da me, non mi hanno fini pubblicitari.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *